Monza e il suo centro silenzioso

Monza centro via Canonica

una stradina del centro di Monza: via Lambro incrocia via Canonica appena dietro il Duomo

Monza è una città che non riesco ancora a leggere. Lo vedo dalle foto che faccio, non riesco a rendere le sensazioni che sento mentre passeggio per le sue strade.

terrazzo su un vicolo a Monza

Un bel terrazzo nascosto in un vicolo del centro di Monza

Questa mattina sono uscito dal centro “noto” della città e mi sono avventurato a caso per i sui vicoli che non conoscevo. Basta spostarsi di 30 metri da via Vittorio Emanuele II e si passa nettamente dal passeggio vociante alla quiete foderata di ricchezza che si intuisce per queste stradine che, forse un tempo erano popolari, ma che ora di certo sono semplicemente tranquille e riservate, come una stanza da letto piena di tessuti morbidi.

Finestra dal Ponte dei Leoni

Una finestra di un Palazzo che si affaccia sul Lambro dal Ponte dei Leoni di via Vittorio Emanuele II

Poi sono sbucato di nuovo sul Lambro ed è tornata la mia incomprensione per questa città. Il Lambro aggiunge bellezza a questi palazzi, oppure toglie loro semplicemente la serenità del loro ordine? Mi ci vorrà un po’ di tempo mettere in ordine queste idee contrastanti.

Il lambro di Monza

Il Lambro in uno scorcio dal ponte dei Leoni di Monza

Annunci
Pubblicato in Milano | Contrassegnato | Lascia un commento

Dolci di Natale

dolci natalizi

Panettone, caffè, torroncini e cioccolatini, tanto per non rimanere indietro coi dolci di natale

Come è andata questa mangiata di Natale? Io, per non rischiare di rimanere indietro con i dolci natalizi mi tengo in esercizio con un richiamino di torroncini al cioccolato e panettone.

vasetto pieno di cioccolatini

Cioccolatini col caffè

Buon proseguimento di feste!

tavola preparata per caffè

La tavola preparata per la pausa caffè

Pubblicato in Food | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Buon Natale

Decorazioni Natalizie

Buon Natale 2012

Oggi ultimo giorno di lavoro. Per molti, tra cui anche me, iniziano le vacanze di Natale: auguri a tutti!

decorazioni natalizie

Buon Natale 2012 – Auguri!

Un fiore Rosso e una pallina d'argento

Augurissimi ! Tante Cose ! 🙂

Pubblicato in Storie senza location, Uncategorized | Contrassegnato , | 2 commenti

La vicinanza dei simboli

Torre di merate da lontano

la Torre di Merate vista dal parco cannocchiale

Questa è la foto di una città. Non è la mia città, ma è dove sono cresciuto, con dolore disadattamento ed emarginazione. Eppure il simbolo della città mi è sempre apparso bello e rassicurante. Il simbolo è una torre. Quando penso alla Torre mi tornano in mente gli anni della mia infanzia, e i miei genitori che mi aiutavano a crescere, piuttosto che ricordare tutto ciò che mi sembrava negativo

Torre del castello di Merate

La torre di Merate del castello di Palazzo Prinetti vista dal parco cannocchiale

Avevo bisogno di un simbolo, di qualche cosa che mi desse l’alibi di pensare che non tutto era brutto, ma che al contrario mi aiutasse a catalizzare tutto ciò che avevo di bello allora. Quella torre, ancora oggi, ha la capacità di tirare fuori le sensazioni migliori che sono dentro di me.

Parco cannochiale a Merate

Vista del parco cannocchiale e sullo sfondo la torre del Castello di Merate

Pubblicato in Merate | Contrassegnato , , , , | 2 commenti

I miei compagni di battaglie

camicia bianca e cravatta marrone

Una camicia bianca e la mia cravatta marrone adatte alle battaglie autunnali

Eccoli qua. Appesi alla luce del sole appaiono ancor più stanchi di quanto ricordassi. E’ lo stesso effetto di quando mi guardo allo specchio: mi vedo piegato e senza entusiasmo.

Doppiopetto gessato

Doppiopetto gessato blu distrutto dalla stanchezza dopo una missione in Germania

Eppure sono loro ad essere sempre con me nelle missioni più difficili. Nelle corse verso l’aeroporto quando tutti ancora dormono, nelle riunioni inutili da cui tuttavia non ti puoi allontanare, nelle negoziazioni più serrate, ci sono sempre loro, io e loro, a combattere in prima linea.

texture cravatta

particolare della texture della mia cravatta marrone

Ed ora, come io crollo sul sedile di un aereo sul volo che mi riporta a casa, i miei vestiti si accasciano stanchi alla ricerca di un po’ di respiro su di una stampella di legno, logorati e sfiancati, come me, dalla battaglia quotidiana.

Vestito e cravatta

Il mio vestito Marrone, invernale, più stanco di me

Pubblicato in Storie senza location | Contrassegnato , , , | 7 commenti

Un caffè d’inverno

Pusa caafè con Cioccolato, biscotti ed un Ipad

Un buon caffè in una soleggiata giornata invernale sono una stupenda invenzione per pensare

Sono arrivati i primi freddi veri di questo inverno. Oggi sono a casa: i postumi di un influenza mi costringono al caldo riparato delle mie mura. Fuori sbuca un inaspettato sole che entra sul tavolo filtrato delle tende. Mi preparo un caffè, ho deciso che dedicherò qualche ora oggi a pensare il mio futuro in un nuovo cammino che propio ieri ho deciso di intraprendere. Non c’è niente di più adatto al caffè per stimolare i pensieri di azione.

Ipad, caffè e cioccolato

Cioccolato, caffè ed Ipad: i miei strumenti per pensare e prendere appunti

Prendo il mio Ipad con me, amo prendere appunti con una penna capacitiva, mi piace ricordarmi come il senso di una frase influenza la mia calligrafia. Oggi è una buona giornata, serena. Sarà merito del caffè o piuttosto di un mio ritmo interiore? A sera forse troverò una inutile risposta ad un inutile quesito, ma lo farò con piacere.

Ipad e il pennino in pausa caffè

Prendere appunti con il pennino dell’ipad mi permette di non perdere le informazioni che lascia sulla “carta” la mia calligrafia

Pubblicato in Food, Storie senza location | Contrassegnato , , , , , , | 3 commenti

Voglia di natale

Un albero di natale fa crescere la voglia di festa

Le feste di natale sono una scusa per riempirsi la casa di oggetti allegri e rassicuranti, come questo albero di pezza

Sta arrivando anche quest’anno. Pregusto la voglia di stare a casa al caldo mentre fuori il gelo fa disastri. Immagino già quando prepareremo, quest’anno in tre per la prima volta, l’albero. Lo agghinderemo di lucine, pallocchie e nastri brillantosi. Mi farò travolgere dalla voglia di divano, di perdere tempo, di leggere, di mettermi ai fornelli a cucinare. Mi lascerò sedurre dal desiderio di tornare ufficialmente a vedere la città al buio della sera, interrotto solo dagli spilli di colore delle lucernarie che bucano la nebbia. Uscirò di casa con il solo scopo di andare a riscaldarmi con una cioccolata pannosa e magari a leggere qualcosa in un bar con il mio iPad. Oh yes mes amis, ho parecchia voglia di natale.

Pubblicato in Storie senza location | Contrassegnato , , , | 1 commento